Reati ambientali e difesa penale

Comment

Diritto dell'ambiente Politica & Ambiente

di Claudia Pasqualini Salsa

Diritto ambientaleNel corso di un processo penale per reati ambientali a carico di un’Azienda, la miglior difesa non può che essere rappresentata dalla puntuale motivazione delle scelte aziendali, consapevolmente effettuate per dare ottemperanza a quelle norme che l’Accusa ritiene violate.

Riteniamo sia mortificante, per tutte le parti in gioco, quell’attività difensiva svolta in base ad un rituale di cavilli, sulla base di obsolete concezioni e vecchi pregiudizi: i reati ambientali sono una seccatura, la difesa non deve essere difesa del principio che ha guidato le scelte aziendali che vengono contestate dall’inquirente, ma deve consistere nel prendere tempo, addormentare le indagini, lasciare calmare le acque…

 

Nell’ottica di certi avvocati penalisti che potremmo definire old style, è essenziale  “portare a casa” il rinvio, la prescrizione, oppure “addormentare” il tutto con un incidente probatorio, meglio se dal quesito complesso.

Crediamo più utile, invece, illustrare e motivare l’interpretazione data dall’Azienda alla norma ambientale che secondo l’Accusa sarebbe stata violata, mediante un sereno e leale confronto con un inquirente a cui trasmettere il senso delle scelte aziendali effettuate sulla base di precise interpretazioni di diritto.

L’attività dell’avvocato difensore in presenza di indagini per reati ambientali si esplica al meglio dimostrando che l’Azienda (e per essa il suo dirigente o amministratore, a seconda dei casi) è coerente, consapevole e preparata sulla politica ambientale aziendale e intende difenderla nelle sedi giudiziali, anche per creare un precedente, magari innovando indirizzi giurisprudenziali preesistenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>