Quante ILVA ci sono in Italia?

Comment

Diritto dell'ambiente Parliamone insieme

La prevenzione, questa sconosciuta

di Claudia Pasqualini Salsa

Manuale diritto ambientalea vicenda giudiziaria relativa all’ILVA di Taranto è complessa e va trattata nelle debite sedi penali e civili, da chi ha letto e studiato “le carte”.

Ogni altro commento appare decisamente inopportuno.

Ma al di là degli aspetti giudiziari, la vicenda è rappresentativa di quella visione strabica e irrazionale con cui troppo spesso in Italia sono affrontati ancora oggi i fondamentali temi della protezione ambientale, della sicurezza dei lavoratori, della salute di tutti, in rapporto al diritto costituzionale di esercire liberamente l’attività imprenditoriale.

 

Dagli anni Settanta – avviatosi un cammino giuridico di consapevolezza, prima inesistente, circa la portata giuridica dei fenomeni di inquinamento e degrado ambientale –  il mutare della normativa ha indicato un mutamento culturale. Ma, se la normativa ambientale – soprattutto grazie all’impulso del legislatore comunitario – è diventata cogente ed applicabile per tutti, la “nuova” cultura ambientale che ne rappresenta il fondamento si è radicata in nicchie elitarie, non divenendo patrimonio comune dei cittadini italiani.

Gli attori in gioco nella vicenda dell’ILVA di Taranto, ad esempio, non sono stati capaci di introitare quel mutamento culturale.
Con un diverso approccio, il disastro ambientale su cui oggi si discute, e per cui la magistratura procede, si poteva prevenire.

I costi per adeguare gli impianti alle normative ambientali comunitarie dovevano essere considerati investimenti necessari alla stessa prosperità aziendale, non – secondo una visione arcaica e miope – spese evitabili.

I controlli sul complesso produttivo, comunque effettuati, avrebbero dovuto portare ad un colloquio costruttivo tra l’Azienda e la P.A.. Era possibile richiedere per tempo proroghe e deroghe, tecnicamente motivate, impostando un realistico programma che consentisse all’Azienda di  raggiungere la conformità legislativa senza insostenibili tour de force.

E’ oramai acclarato che produttività e tutela dell’ambiente (ed anche la prevenzione degli infortuni) sono elementi egualmente essenziali per la sopravvivenza dell’impresa e il suo corretto posizionamento nel mercato.

Ne consegue che le scelte aziendali in merito alle tematiche ambientali vanno effettuate – ed hanno un senso – all’interno di una politica ambientale predefinita, che comporta non solo la conoscenza della norma ambientale, ma anche la sua interpretazione, per farne corretta applicazione in rapporto alla  specifica realtà aziendale.

Solo su tali premesse di responsabilizzazione, ogni volta che un Pubblico Ministero contesti all’azienda un’ipotesi di reato ambientale, la risposta non potrà che essere la difesa della propria scelta di comportamento, dimostrandone i presupposti, chiarendone le finalità e sottolineando la bontà della propria interpretazione. Ma ciò, sulla base di un ragionamento giuridico coerente, non per una mera petizione di principio.

Ma quante aziende non sanno prevenire situazioni in cui, come a Taranto, tutti risultano sconfitti?

Quante ILVA, in sintesi, ci sono oggi in Italia?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>