L’indice greendex: che cos’e’ e come calcolare i consumi… quanto sei green?

Comment

Green Economy Politica & Ambiente
green indice che cos è

di Lorenza Tassi Montolivo

L’indice Greendex è un indicatore numerico atto a calcolare le performance di consumo di ogni singolo cittadino- abitante di uno stato.
I parametri di cui tiene conto per stimare l’impatto e la portata dei consumi sono :

  • Le scelte fatte consapevolmente dai consumatori nella gestione del quotidiano: per esempio decidere se riparare un elettrodomestico piuttosto che sostituirlo, usare acqua fredda per lavare la biancheria, scegliere prodotti naturali, bio e non OGM piuttosto che quelli commerciali che non tengono conto dell’impatto ambientale;
  • Le scelte compiute dai cittadini-abitanti che dipendono maggiormente dalle condizioni climatiche in cui gli stessi si trovano a vivere che determinano, difatti, taluni comportamenti più “green” e, quindi, ovviamente, più ecologici rispetto ad altri cittadini-abitanti di paesi diversi o, parimenti, scelte che derivano dalla disponibilità di prodotti ecologici nonché la valutazione dell’utilizzo più frequente di mezzi pubblici in sostituzione delle autovetture.


Perché utilizzare questo indice? E’ un modo per invogliare i cittadini ad usare le biciclette piuttosto che le auto, o, in alternativa, i mezzi pubblici, invitandoli a non sprecare l’energia elettrica, l’acqua ed il gas abituandoli, al contempo alla diffusione delle energie alternative, altresì meglio definite “rinnovabili”.
Un’attenzione molto più forte viene, quindi, impiegata nella cura dei prodotti che, di conseguenza, si riflette sugli stili di vita di ciascuno di noi che in certi casi diventa una vera e proprio “attitudine” a vivere con uno stile green, meglio definito ecologico.
Un esempio per tutti è quello portato dalla Francia che da sempre si fa portatrice dei valori ambientali come “biglietto da visita” in tutte le iniziative sia imprenditoriali che sociali.
I bambini sin dalla tenera età sono obbligati a far dei test informatici tesi a calcolare i consumi quotidiani con un trend costante di miglioramento per condurre gli stessi a rientrare, tassativamente, in parametri greendex imposti dallo stato, che nel caso vengano superati portano all’applicazione di sanzioni ingenti imposte alle famiglie d’appartenenza.
Questi test, inoltre, servono, anche, per calcolare la vita media del pianeta Terra: la ratio è, naturalmente, tenere sotto controllo i cittadini per evitare che l’ambiente circostante subisca peggioramenti in termini di inquinamento ed abitabilità, che nel tempo potrebbero deteriorare, con il contributo di ciascun cittadino, il sistema ambientale della Francia e poi, mano a mano di tutto il sistema Terra.
I cugini d’Oltralpe sono forse troppo duri ed esigenti nell’applicazione delle regole o, semplicemente, sono più attenti al futuro del pianeta rispetto ad altri Stati?
Si ricorda, da ultimo, l’iniziativa legislativa tesa ad attribuire il cosiddetto bonus/malus ecologico a frigoriferi e pneumatici. Intrapresa dapprima con le auto, sta avendo un successo incredibile.
Il principio è il seguente: “Se non puoi acquistare risparmia” che tradotto significa: meno consumi, più risparmi, più ti premiano.
Il progetto lanciato dal Ministro per l’Ecologia Jean-Louis Borloo si estenderà anche a pesticidi ed agricoltura biologica affinché i terreni rispettino un criterio di “alto valore ambientale” .
La filosofia dell’incentivo potrebbe funzionare anche in altri Paesi? Perché non tentare…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>