Environmental issue

Comment

I post di Claudia Pasqualini Salsa

Negli U.S.A., l’ambiente rappresenta una delle questioni (issue) sulle quali si confrontano i programmi dei candidati alla Presidenza.

Navigando sul web (candidate-comparison.org), si può vedere, ad esempio, che sia Mitt Romney sia Barack Obama ritengono l’indipendenza energetica dall’estero una priorità da affrontare velocemente, mettendo a disposizione della ricerca i fondi necessari. Peraltro, le modalità secondo cui indirizzare la ricerca, in campo energetico (come in altri, che coinvolgono altre sfide ambientali), sono profondamente influenzate dalle differenze di prospettiva dei due candidati.

 

Romney indica come prioritarie la tecnologia del combustibile, la produzione di energia e la scienza dei materiali. Obama ha un elenco di politiche per ridurre la produzione di carbonio e imporre misure severe per chi produca questo tipo di inquinamento.

Romney è contro il protocollo di Kyoto, ritenendo che comporti la perdita di posti di lavoro; Obama si proclama favorevole al mercato delle quote di carbonio.

Entrambi – questo è il punto- riconoscono comunque che le tematiche ambientali interessano una vasta gamma di discipline quali la legislazione, la politica, le pratiche commerciali e si riferiscono in modo diretto alla gestione delle risorse naturali degli Stati: i minerali, i metalli preziosi, l’acqua, i combustibili fossili, l’ habitat naturale.

L’ambiente, in sintesi, è trattato negli Stati Uniti come un bene pubblico da difendere e le tematiche ambientali hanno dignità di argomento inserito nella programmazione politica ed economica del Paese.

In Italia, se da un lato la dottrina e la giurisprudenza intendono l’ambiente come bene pubblico da difendere, il mondo politico, a quanto ci risulta – e vorremmo tanto essere smentiti- lo considera come “patrimonio” riservato a pochi partiti, che dimostrano di affrontare la materia ambientale secondo crociate per lo più avulse da una gestione concreta[1].

Lo sviluppo compatibile rimane una chimera.

Onore al Ministro Clini che ogni tanto lo evoca.


[1] Per amor di completezza, i dati del Ministero degli Interni indicano che “La Sinistra- L’Arcobaleno”, (in cui dal 2007 era confluita, tra gli altri, La Federazione dei Verdi) nelle Politiche del 2008 ha avuto il 3,1% dei voti alla Camera e il 3,2% al Senato; che “Sinistra e libertà”, che alle elezioni europee del2009 ha sostituito “La Sinistra- L’Arcobaleno”, otteneva il 3,1% dei voti.

E così, alle Regionali della Lombardia, nell’anno 2010, i Verdi si presentano da soli e raggiungono lo 0,8%, mentre “Sinistra Ecologia Libertà” ottiene l’1,4% dei voti.
I dati più recenti delle freschissime elezioni regionali siciliane indicano che Verdi, Sinistra Ecologia Libertà, e la Federazione della Sinistra ottengono tutti insieme il 3,1% dei voti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>