ECOREATI: CONDANNA O PREVENZIONE?

Comment

Diritto dell'ambiente Etica ambientale I post di Claudia Pasqualini Salsa In evidenza Parliamone insieme
environmental-protection-683437_640

Il Dosssier  << Ecoreati nel codice penale: numeri e storie di una legge che funziona>>, presentato da Legambiente il 16 maggio 2017, è stato salutato dai commentatori che si occupano di temi ambientali, come testimonianza di un “bilancio positivo”. Ciò, sulla base del fatto che nel Dossier vengono elencati il numero di reati sanzionati nell’anno 2016, puntualmente indicando la Regione con maggiori ecoreati, quella con il maggior numero di denunciati, quella con il numero più alto di aziende coinvolte.

Errore clamoroso.

E’ l’ennesima riprova che in Italia non si conosce o non si applica il diritto dell’ambiente: tutta la normativa comunitaria e nazionale, infatti, è rivolta sin dal secolo scorso alla prevenzione, alla formazione e informazione, alla cultura ambientale. Tutti elementi ignorati dalla libidine di repressione che i nostri “esperti ambientali” manifestano.

Lo strumento della condanna penale è imposto dall’assenza di prevenzione, di un serio programma di formazione e informazione ai cittadini e alle imprese, ma soprattutto alla P.A. e ai controllori .

Il Dossier non indica quante azioni penali siano state avviate con clamore, costringendo aziende sane a perdite di tempo, immagine e denaro, per finire anni dopo in un nulla di fatto (archiviazione o assoluzione) per difetto dei presupposti, ossia perché i controllori verbalizzanti avevano sbagliato a leggere o comprendere la norma.

Ma si sa, la parola “condanna” piace alle masse e le tranquillizza, le parole “prevenzione” e “formazione” evocano tempi lunghi, impegno, costanza, buona fede … : troppo difficile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>