Accade davvero

Comment

I post di Claudia Pasqualini Salsa
Diritto ambientale

Case history anonima, ma riconoscibile, di ordinaria ignoranza ambientale

di Claudia Pasqualini Salsa

Diritto ambientaleLa settimana scorsa, con enfasi simile, le cronache locali del Secolo XIX e de La Stampa, riportavano la “buona” notizia che – finalmente – i rifiuti urbani del napoletano non sarebbero più stati conferiti, per lo smaltimento, in una discarica autorizzata con l’A.I.A., attiva da anni in Liguria.

Gli articolisti sottolineavano in particolare la buona novella della cessazione degli odori per i vicini.

Vediamo di analizzare il vero significato della notizia e chiediamoci quanto “buona” sia:

 

  1. i rifiuti in questione non recapiteranno più in un sito autorizzato, controllato, condotto secondo ogni crisma di legge, che recupera biogas, ma … dove? … trasferiti all’estero, in discariche analoghe a quella a cui in Italia non possono più andare?
  2. I  “vicini” (ma quali? La discarica è notoriamente posizionata in siti isolati. La vicinanza si deve a coloro che sono giunti “dopo”…) non saranno più tormentati da quella terribile forma di inquinamento odorifero, veramente foriera di pericoli per la salute, ma potranno mangiare liberamente alimenti venduti per genuini, in realtà contaminati dalla dispersione illegale dei rifiuti nell’ambiente…
  3. un’attività produttiva, in piena regola con la legislazione vigente, viene ingiustamente penalizzata, un risparmio gestionale per le provate casse campane  viene ingiustamente azzerato, a favore di cosa?

Ecco perchè in Italia la parola “ambientalismo” non si coniuga quasi mai con buone notizie.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>